Natale, Capodanno ed Epifania; e poi brindisi, rimpatriate, visite di cortesia e cene aziendali, scambi di regali con parenti e amici. I giorni a cavallo tra la fine di dicembre e l’inizio di questo mese hanno due cose in comune: un generale clima di festa e le calorie di troppo. Se il primo generalmente piace a chiunque, le seconde invece richiedono un intervento tempestivo per riprendere la linea dopo giorni di stravizi.

Non esistono regole d’oro per tornare al proprio peso forma ma, qualche buon consiglio, sì.

Liberiamoci della paura della bilancia innanzitutto: tenere monitorato il nostro peso dopo le feste ci aiuterà a porci degli obiettivi concreti e a farci apprezzare i risultati del percorso che abbiamo intrapreso.

Non occorrono privazioni o formule magiche, il segreto sta tutto nel riprendere il ritmo prefestivo senza eccedere “al contrario”: ritroviamo un’alimentazione semplice fatta possibilmente di piatti unici, con pochi condimenti; lasciamo perdere per qualche settimana la carne di manzo e di maiale e limitiamoci alle carni bianche e al pesce, così come ad un paio di uova nell’arco dei 7 giorni.

Ovviamente la frutta e la verdura dovranno tornare ad essere una corposa base su cui costruire i nostri pasti, specialmente le varietà ricche di antiossidanti (spinaci, mirtilli, kiwi e arance), che aiutano l’organismo a riprendersi dopo gli “sforzi” patiti durante le feste: i più volenterosi, potrebbero addirittura dedicare un giorno intero della settimana a questo tipo di alimenti per accelerare il processo di purificazione.

Bere molta, o meglio moltissima, acqua vi aiuterà a smaltire gli accumuli di sale dovuti ai cibi molto elaborati che avrete sicuramente consumato e riabituerà i vostri organi a lavorare senza stress dopo gli eccessi.

E poi l’attività fisica: riprendere il giusto ritmo metabolico è importante tanto quanto un’alimentazione sana. Alleniamoci a giorni alterni e, almeno nei primi tempi, cerchiamo di  sostituire una seduta di sport con una sauna o un bagno turco, ci aiuterà ad espellere le tossine accumulate.

Ricordate: smettere di mangiare a causa dei sensi di colpa è sbagliato e si potrebbe addirittura ottenere l’effetto opposto. Sfoderate un po’ di pazienza e di perseveranza e nel giro di qualche decina di giorni… vedrete che risultati!