Gli orti sul balcone: meraviglia dell’organizzazione domestica, quando a farli sono gli altri; dramma casalingo, quando invece siamo noi a provarci. Non c’è niente da fare, la nostra terrazza non ha proprio l’aspetto del giardino dell’Eden e, soprattutto, la sua produzione è sempre molto sofferta, quelle volte in cui si riesce a ricavarne qualcosa.

Certo, lo spazio è sempre molto poco… e se la soluzione fosse di coltivare più piante nello stesso vaso? A questo ci ha pensato un’azienda inglese, con una trovata a dir poco geniale.

La Thompson&Morgan di Suffolk non ha creato vasi a più scomparti dove far coabitare piante diverse, ha creato proprio una pianta unica che ne racchiude due! 

Di cosa si tratta? Di un ortaggio che è stato chiamato Egg&Chips ed in grado di produrre, come dice il nome, due varietà di frutti: melanzane e patate. Si raffreddino subito i bollenti spiriti degli anti-OGM però, per produrre questa pianta si è usato un procedimento che sfrutta una tecnica agricola millenaria, quella dell’impianto, e qualche basilare conoscenza di botanica. La nostra pianta “Frankestein” è stata ottenuta legando insieme le radici di una particolare varietà di melanzana e di patata, opportunamente tagliate per combaciare alla perfezione; il fatto poi che i due ortaggi appartenessero alla stessa famiglia, ossia quella delle solanacee (angiosperme dicotiledoni), ha fatto il resto.

L’esperimento è stato così riuscito che pare che le patate siano risultate essere radici anche migliori di quelle della melanzana, dando vita a questo capolavoro solamente in parte opera dell’uomo. E non è finita qui: questo particolare tipo di melanzana ha anche perso il tipico retrogusto amaro che costringeva a salare e risciacquare l’ortaggio una volta raccolto. Naturalmente, non essendo un prodotto dell’ingegneria genetica, questo ortaggio necessita delle normali condizioni climatiche per piante di questo tipo ossia una posizione soleggiata.

L’azienda, che assicura un raccolto di 2/4 kg di patate ogni 4 melanzane, si sta cimentando anche con nuovi ibridi, come la pianta che produce patate e pomodori. Ovviamente, essendo innesti, queste piante vengono vendute già sviluppate ma pare anche che le scorte siano limitate; quindi, se volete prendervi una rivincita sugli scettici del vostro pollice verde in variante di condominio, dovrete affrettarvi!