Alcuni sono appassionati di console da gioco fin da bambini e non hanno mai smesso di ricavarsi qualche ora alla settimana per immergersi nel mondo virtuale del proprio titolo preferito; altri invece si sono avvicinati a questo mondo solamente da adulti, quando hanno sentito il bisogno di occupare le serate con qualcosa di più interattivo della semplice televisione: che le console non siano più uno svago (solo) per bambini lo dicono i numeri e soprattutto gli attori coinvolti, ovvero Sony, Microsoft e Nintendo. I tre giganti della tecnologia si combattono in una sfida perpetua per stabilire chi avrà il dominio del mercato, ma cosa ci riserva il futuro?

Playstation 5 - sono passati quasi 3 anni dal lancio della PS4 e le voci di corridoio si rincorrono sempre più frequenti sulla futura generazione di Playstation: quello che è certo è che la nuova console di casa Sony si adeguerà alle ultime novità nel campo dei TV, ovvero alla tecnologia 4K; ci sarà spazio, tramite Playstation Now, anche per una fruizione dei giochi basata sempre di più sul modello Netflix, dunque titoli illimitati (anche quelli appartenenti alle generazioni precedenti!) con un canone mensile; ma il vero botto potrebbe farlo il Project Morpheus, la risposta Sony alla domanda di un’esperienza di gaming finalmente tridimensionale, e non è una coincidenza che sia stato annunciato pochi giorni dopo l’acquisto del progetto Oculus (dispositivo per la realtà virtuale non vincolato a specifiche piattaforme) da parte di Facebook;

Xbox Two – si sa ancora poco sul nuovo progetto Microsoft, però ci sono alcuni punti fermi che fanno drizzare le orecchie agli appassionati: la console che verrà, sarà sviluppata e dedicata interamente all’esperienza di gioco in tutto e per tutto (al contrario di quella che l’ha preceduta, una sorta di accessorio da salotto con moltissime funzioni poco chiare o inutili) e si inserirà ovviamente nella corsa alla realtà virtuale, con la probabile integrazione del sistema Microsoft Hololens (gli occhiali per la realtà aumenta in uscita, pare, tra poche settimane), ma anche con dispositivi “intermedi” come Illumiroom, un sistema creato per amplificare il video di gioco nello spazio attorno allo schermo televisivo; d’altronde, Microsoft ha a disposizione un centro ricerca e sviluppo molto più avanzato della concorrenza e sicuramente farà sentire tutto il suo peso nella prossima generazione di console;

Nintendo NX – dei 3 attori in gioco, Nintendo è il brand con più voglia, e necessità economiche, di riscatto: il grande successo nel campo delle console portatili della serie Nintendo DS ha avuto la controindicazione di tagliare fuori l’azienda dal mercato delle console “casalinghe”, come hanno dimostrato le deludenti vendite della Wii U; i vertici di Nintendo, abituati a creare attorno ai propri prodotti un’aura di mistero grazie a teaser mirati, parlano di un rivoluzionario concetto di crossmedialità per la serie Nintendo NX, ossia la possibilità di giocare (finalmente!) ai propri titoli preferiti sia da casa che fuori, continuando la medesima partita; unitelo alla probabile uscita di un nuovo capitolo legato al leggendario personaggio Super Mario, ad un prezzo molto competitivo e ad un lancio che potrebbe arrivare già a fine 2016 e capirete che, mentre le ceneri dell’ultima battaglia delle console sono ancora sospese in aria, un nuovo conflitto è pronto a scatenarsi ed in palio c’è niente di meno che il dominio del mercato dei videogiochi!