Arriva da Green Bay, nel Wisconsin, ha 40 anni e si chiama Joel Zwicky il primo poliziotto su skateboard del mondo. A dir la verità utilizza un longboard, un particolare modello di “tavola” che si caratterizza per una maggiore lunghezza, delle ruote di dimensioni più grandi del normale e degli assi, chiamati “truck”, a cui sono fissate le ruote, più lunghi. 

All’inizio l’idea dell’agente Zwicky non era stata presa seriamente dal suo dipartimento: la prima volta che aveva avanzato la proposta circa due anni fa, il poliziotto si era sentito rispondere picche. Ma quando, negli ultimi mesi, lo stesso dipartimento si è messo a raccogliere idee su come ridurre la distanza tra il corpo di polizia locale e i cittadini, giovani in particolare, ecco che la proposta è tornata in auge.

Dotato di un longboard appositamente modificato con luci lampeggianti a led blu ed equipaggiato con un elmetto in kevlar, oltre la sua normale dotazione, lo skater Joel pattuglia prevalentemente i parchi e le aree pedonali della sua cittadina grazie ad una mobilità che altrimenti non sarebbe garantita dalle normali vetture in dotazione alla polizia.

Grazie a questa nuova modalità di pattuglia, il poliziotto è in grado di abbattere le normali barriere di rispetto ma anche diffidenza che normalmente regolano i rapporti tra i cittadini e le forze dell’ordine e per questo la sua iniziativa sta ricevendo moltissimi attestati di supporto e simpatia dalla popolazione locale.

Ma non mancano anche le chiamate e le richieste da parte di agenti appassionati di skateboard appartenenti ad altri dipartimenti, che domandano soprattutto suggerimenti su come introdurre lo stesso tipo di iniziative nel loro territorio.