Lo sanno tutti ed i ciclisti meglio di altri: al giorno d’oggi viaggiare su strada è un’attività pericolosa a meno che non si disponga di un’auto, ma anche in quel caso non c’è da stare troppo tranquilli. Per chi viaggia in bicicletta però i pericoli sono molteplici: automobilisti distratti, segnaletica stradale poco chiara o insufficiente, traffico.

E di notte quelli che sono già problemi reali vengono ingigantiti a dismisura: la visibilità ridotta amplifica ulteriormente il pericolo di incidenti e spesso, se non sempre, le luci di posizione disponibili per le due ruote ed eventuali giubbetti catarifrangenti non sono mai abbastanza.

Ma forse esiste una soluzione e, paradossalmente, è stata inventata da una casa automobilistica. Volvo, produttore svedese di automobili, in collaborazione con Albedo 100, azienda britannica specializzata nello sviluppo di vernici catarifrangenti, ha ideato un prodotto appositamente studiato per la tutela dei ciclisti: Lifepaint. Il principio ispiratore dietro questa invenzione è molto semplice: il modo migliore per sopravvivere ad un incidente con un’auto è quello di evitarlo.

Come funziona Lifepaint? La tecnologia con cui viene creata questa particolare vernice spray le consente di riflettere la luce che la colpisce direttamente, illuminandosi a giorno, mentre in condizioni normali è assolutamente trasparente. La sua applicazione su qualsiasi superficie dura fino ad una decina di giorni, passati i quali basterà applicarla nuovamente. Dove? Sul caschetto, su uno zaino sulle scarpe, sul collare o sulla pettorina del vostro cane o anche sulla biciletta intera.

Purtroppo per i ciclisti di tutto il mondo lo spray miracoloso per ora sarà disponibile solamente in alcuni negozi specializzati della Gran Bretagna, Paese che registra ogni anno oltre 19.000 persone coinvolte in incidenti auto-bicicletta. In ogni caso, se i risultati saranno ritenuti soddisfacenti, la vendita potrebbe essere presto allargata anche al resto d’Europa.